domenica 23 aprile 2017

Big little lies - Stagione 1

Ho appena terminato la visione della prima stagione (e credo unica) della serie Big little lies.
La serie parla di un'indagine su un delitto ma sin dall'inizio non si capisce né chi è morto né chi dovrebbe essere il presunto assassino.
Durante lo svolgersi delle indagini ci vengono presentate le persone coinvolte e ci viene mostrato cosa è accaduto nei giorni che hanno preceduto tali indagini. Tutto ruota attorno a una scuola frequentata dai figli dei protagonisti e alle vite apparentemente perfette delle famiglie di una classica cittadina americana da telefilm.
Ma la perfezione non esiste.
Da qui nasce il primo plauso alla serie: la trama non è mai scontata e fino all'ultima puntata non si riescono
a scoprire le carte degli autori.
Il secondo plauso va al casting: grandi interpreti per personaggi complessi che vengono resi magistralmente. Non che non ce lo si aspettasse da grandi nomi come Nicole Kidman e Reese Witherspoon ma ogni membro del cast ha dato grande prova di sé. Magistrale a mio parere Laura Dern nel ruolo dell'antagonista delle tre amiche protagoniste.
E il finale, lasciatevelo dire, sarà un epilogo da non lasciare deluso nessuno.

domenica 12 marzo 2017

La chimica della bellezza - Piersandro Pallavicini

Storia farcita di chimici che fanno chimica.
La storia è godibile, forse un po' prevedibile, la narrazione è divertente e sarcastica al punto giusto, i dettagli di chimica e di storia della chimica, seppur accessori alla narrazione, esagerano saltuariamente nei dettagli e spezzano il filo della storia (oltre ad essere a tratti poco comprensibili per chi di chimica non si occupa tanto da sospettare a volte una deriva saggistica del libro).
Magnifico il personaggio di Angelo il cameriere.

domenica 20 novembre 2016

The young Pope - Stagione 1

Ho visto gli ultimi episodi ieri ma mi ci è voluto un po' di tempo per metabolizzare. Mio marito mi ha chiesto: ti è piaciuto? Non ho saputo rispondere.
Procediamo con ordine:
1. La Trama: non posso dire che non ci sia un intreccio interessante con colpi di scena non eclatanti ma in linea con la dinamica della narrazione. Ed è abbastanza chiara la morale alla base del tutto. Il Papa che non vuole farsi vedere nell'epoca dell'apparenza è un forte paradosso utile a creare attorno a Pio XIII un'aura di mistero, nel senso religioso del termine
2. La recitazione: gli attori sono di altissimo livello e hanno dato prove d'attore eccellenti. Spettacolare Silvio Orlando, a mio parere molto più della pur eccellente Diane Keaton. 
3. Come è fatto: non sono un'esperta ma persino io mi sono accorta che la fotografia è strepitosa. La regia di Sorrentino è senz'altro magistrale ma per me è troppo lenta. A un certo punto della settima (credo) puntata mi ero allarmata perchè temevo che si fosse piantata la parabola vista l'immobilità dell'inquadratura... 
Nel complesso quindi mi è piaciuta MA mi sarebbe piaciuta di più se fosse stata un po' più dinamica (e di conseguenza anche di qualche puntata in meno)

domenica 16 ottobre 2016

L'amica geniale - Elena Ferrante

All'inizio del libro non si capisce come mai la protagonista, una ragazzina bella, bionda, diligente diventi amica di una bimba secca, sporca e, a suo stesso dire, cattiva. La narrazione però si basa proprio su questo: sulla fascinazione che Lila, in ogni suo gesto, esercita su Elena. La convinzione di Elena di non essere mai al passo con Lila, di non essere prima abbastanza brava, poi abbastanza bella da starle al passo muove ogni evento del libro. In un contesto rionale che racchiude tutto il mondo il lettore può sentirsi a volte Elena, a volte altri dei coprotagonisti. Faticherà invece a immedesimarsi con Lila, sempre un po' all'estremo... fino allo svelarsi del perchè del titolo.

lunedì 6 giugno 2016

Chanel non fa scarpette di cristallo - Barbara Fiorio

Che cos'è il lieto fine? Le favole ci hanno insegnato che lo scopo ultimo, il traguardo da raggiungere nella vita per una donna si identifica con conoscere il principe azzurro e convolare a nozze con lui. Dopodichè si scrive la parola fine. Non deve esserci nulla se non la ricerca prima, non ci sarà nulla dopo.
E se una donna volesse altro? Se volesse vivere la propria vita come meglio crede, senza annullarsi nella ricerca dell'uomo ideale o nella vita a due dopo averlo trovato? E se la donna in questione non fosse una donna (o un gruppo di donne) qualsiasi ma appartenesse alla ristretta cerchia delle protagoniste delle favole catapultate nel mondo reale?
Uno spunto originale e sbarazzino per un libretto molto, molto simpatico e avvincente

domenica 28 febbraio 2016

Teoria idraulica delle famiglie, Elisa Casseri

Una vicenda famigliare vista attraverso gli occhi di Iris, giovane confusa, e interpretata utilizzando i canoni dell'ingegneria idraulica. Gli avvenimenti, i sentimenti visti come fluidi che scorrono, si bloccano, si accumulano in recipienti che reggono e a volte perdono. Storia di 4 generazioni intrecciate alla storia di un piccolo paesino composto da campagna, piazza, chiesa e scuola.


sabato 20 febbraio 2016

Picasso, Gertrude Stein

Bizzarro piccolo libercolo sulla vita e le opere di Picasso scritto da una persona che, oltre ad essere grande esponente letteraria, lo conobbe, lo frequentò e fu persino soggetto di un suo rarissimo ritratto.
Vi sono pertanto le fondamenta per un libro con notizie di prima mano puntuale ed esaustivo. Purtroppo le frequenti ripetizioni e digressioni durante la narrazione lo rendono meno godibile di quello che avrebbe potuto essere.
Restano però molto interessanti sia l’argomento in generale che il punto di vista e i vari episodi narrati.
Per esempio è molto interessante il punto di vista della Stein sul dono di Picasso: secondo lei la pittura era per Picasso ciò che comunemente per tutti gli altri è la scrittura. Per lui dipingere era l’unico mezzo attraverso il quale riusciva veramente a esprimere ciò che aveva nell'animo.